Quali proposte per il giornalismo?
 
 
Quale futuro per il giornalismo? Quale strada imboccare? Cosa proporre per salvare una professione indispensabile per il buon funzionamento della democrazia? ...

Leggi tutto

Cambio ai vertici della Fondazione sul giornalismo  'Paolo Murialdi'

In attuazione delle intese tra gli enti istitutivi della Fondazione sul giornalismo italiano Paolo Murialdi, che prevedono la rotazione al vertice della Fondazione...

Leggi tutto

In libreria il volume “Martiri di carta.
I giornalisti caduti nella Prima Guerra Mondiale”
 E’ già in libreria il volume “Martiri di carta. I giornalisti caduti nella Prima Guerra Mondiale”, a cura di Pierluigi Roesler Franz e Enrico Serventi Longhi, Gaspari Editore, € 29.00... 

Leggi tutto
Approfondimenti

“Martiri di carta. I giornalisti caduti nella Prima Guerra Mondiale”
  

Nuova sezione con aggiornamenti
 

Gli intellettuali in guerra erano giovani ventenni che avevano cominciato a scrivere su giornali e riviste. Sono 264, i loro nomi sono Stuparich, Serra, Battisti, Gallardi, Boccioni, Niccolai, Umerini, ecc. Tutti gli scritti sono corredati...

Documento

Giornata mondiale per la libertà di stampa: intervento del Presidente della Fondazione, Daniele Cerrato

In memoria dei colleghi uccisi.
 

Il Presidente della Fondazione, Daniele Cerrato, intervenendo nella giornata mondiale per la libertà di stampa ha lanciato la seguente proposta di lavoro per la Fondazione Murialdi: “Vorrei che sul tema della memoria...

Approfondimenti

Paolo Murialdi, storico da giornalista
 (1973 -2006)
Ombretta Freschi

Il potere e i giornali. La stampa italiana del dopoguerra.
La storia dei media in Italia ha avuto una nascita recente. Prese corpo all'inizio degli anni Settanta'. L'avvio, in senso stretto, fu precedente.
Nel 1962 uscì "La Stampa" di Torino e la politica...

Intervista

Giancarlo Tartaglia risponde alle domande di Ombretta Freschi su Paolo Murialdi
    

Tartaglia:
 

Ho conosciuto Paolo Murialdi nel settembre del 1974 a Rimini in occasione del XIV congresso nazionale della Stampa Italiana. Murialdi era andato in pensione da poco tempo. Era stato un ottimo capo redattore de Il Giorno ...

La Fondazione


La Fondazione sul Giornalismo “Paolo Murialdi” è stata costituita dai quattro organismi della categoria giornalistica (Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, l’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani, Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani.) con lo scopo di raccogliere e mettere a disposizione degli studiosi e dei ricercatori tutta la documentazione sulla vita e sulla storia del giornalismo italiano.
Alla Fondazione Murialdi sarà conferita la documentazione proveniente dagli enti costitutivi e da donazioni di altri enti e soggetti privati.
L’attività della Fondazione è volta anche alla promozione e alla pubblicazione degli studi sul giornalismo, all’organizzazione di convegni e dibattiti e all’istituzione di borse di studio e di ricerca.

La Fondazione è intitolata a Paolo Murialdi che è stato giornalista, sindacalista della categoria e storico del giornalismo.
Praticante a «Il Secolo XIX», Paolo Murialdi, è stato redattore del «Corriere della Sera» e capo redattore de «il Giorno». Eletto Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana nel 1974, ha rivestito tale incarico per i successivi sette anni, dedicando alla storia del giornalismo la parte più rilevante della sua attività intellettuale: nel 1973 è uscito per Laterza la prima edizione di La stampa italiana del dopoguerra, 1943-1972, più volte ripubblicato.
Nel 1976 ha fondato la rivista «Problemi dell’informazione».